CERCA:
LOGIN:           
SERVIZI

NEWS - Le dichiarazioni d’intento emesse a dicembre 2019

Le dichiarazioni d’intento emesse a dicembre 2019
 
  20 dicembre 2019

Gli esportatori abituali, salvo quelli che hanno iniziato l’attività da meno di 12 mesi, possono assumere come plafond di riferimento per il 2020, quello derivante dalle operazioni effettuate nel 2019 (plafond fisso) o nei 12 mesi precedenti (plafond mobile), al superamento della percentuale del 10% del volume d’affari. Con effetto dal 1.1.2020, il DL 34/2019 ha soppresso l’obbligo di inviare la copia della dichiarazione d’intento, unitamente alla ricevuta di presentazione rilasciata dall'Agenzia delle Entrate, al fornitore o all’Ufficio doganale, introducendo, tuttavia, l’obbligo, in capo al fornitore, di riportare gli estremi del protocollo di ricezione della dichiarazione nelle fatture emesse in base ad essa, o nella dichiarazione doganale. Ciò significa, in buona sostanza, che dal 2020 gli esportatori abituali non saranno più tenuti a inviare la copia della dichiarazione d’intento al proprio fornitore, ma a fornire esclusivamente il numero della ricevuta rilasciata dall’Agenzia delle Entrate alla controparte che, a sua volta, avrà l’obbligo di esporlo all’interno della fattura elettronica. Poiché tale semplificazione entrerà in vigore dal 2020, è opportuno che gli esportatori abituali continuino ad inviare la copia delle dichiarazioni d’intento e delle ricevute telematica d’invio per quelle emesse nel mese di dicembre 2019, a valere sul 2020.


<<Torna Indietro