CERCA:
LOGIN:           
SERVIZI

LAVORO

Tematiche giuslavoristiche


 Titolo  Area  Data inserimento 
     La contribuzione previdenziale 2018 

L’INPS ha recentemente illustrato le aliquote, i minimali e i massimali di reddito, le modalità e i termini di versamento dei contributi dovuti per l’anno 2018 dagli iscritti alla Gestione IVS e alla Gestione separata INPS. Purtroppo non si registra ancora alcuna evoluzione sull’annosa questione della doppia contribuzione, restando confermato l’obbligo d’iscrizione a entrambe le gestioni previdenziali INPS per i soci lavoratori e amministratori di Srl commerciali.

 CL  16/02/2018 
     Lo sgravio contributivo per l'adozione di misure di conciliazione tra tempi di vita e di lavoro 

Con il DM 12.9.2017 è stato istituito uno sgravio contributivo a favore dei datori di lavoro privati che prevedono l'adozione di misure di sostegno alla genitorialità e alla flessibilità dei tempi di lavoro, innovative e migliorative rispetto a quelle già previste dai contratti collettivi nazionali. La misura dello sgravio contributivo non può superare il 5% della retribuzione imponibile previdenziale dichiarata dal datore di lavoro nell’anno precedente e sarà quantificata dall’INPS sulla base delle risorse disponibili.

 CL  10/10/2017 
     Al via le nuove prestazioni occasionali 

Dal 10.7.2017 è operativa la piattaforma informatica dell'INPS per la gestione delle nuove prestazioni occasionali introdotte dal DL 50/2017 in sostituzione del lavoro accessorio. Con Circolare n. 107/2017, l'INPS ha reso le indicazioni operative per l'utilizzo della piattaforma telematica, nonché i primi chiarimenti sulla nuova disciplina.

 CL  11/07/2017 
     Primi cenni sul nuovo lavoro occasionale accessorio e sulla disciplina del lavoro agile 

La legge di conversione del DL 50/2017, in corso di pubblicazione in GU, reintroduce, pur con regole più stringenti, il lavoro occasionale accessorio. La L. 81/2017, in vigore dallo scorso 14.6.2017, disciplina, invece, il c.d. lavoro agile (o smart working), ossia una particolare modalità di svolgimento dell'attività lavorativa, senza vincoli di orario e di luogo di lavoro.

 CL  20/06/2017 
     Lavoro accessorio: nuove modalità di comunicazione 

Il D.Lgs. 185/2016 ha modificato nuovamente la procedura della comunicazione preventiva richiesta ai committenti, imprenditori e professionisti, delle prestazioni di lavoro accessorio. Il decreto ha poi introdotto una specifica sanzione amministrativa per il mancato invio della comunicazione obbligatoria. Le nuove regole sono in vigore dallo scorso 8.10.2016 ma, non essendo ancora disponibili i canali di trasmissione, è opportuno inviare la comunicazione ai recapiti previsti per il lavoro intermittente.

 CL  14/10/2016 
     La parziale depenalizzazione del reato di omesso versamento di ritenute previdenziali 

Il D.Lgs. 8/2016 ha depenalizzato alcune ipotesi di reato in materia di lavoro e di legislazione sociale, tra cui l’omesso versamento di ritenute previdenziali. Allo stato attuale tale violazione integra una fattispecie penalmente rilevante solo se l’ammontare annuo delle ritenute non versate supera la soglia di € 10.000.

 CL  24/05/2016 
     Al via la detassazione dei premi di produttività 

Con la pubblicazione del DM 25.3.2016 è finalmente operativa la nuova detassazione dei premi di risultato e delle somme erogate sotto forma di partecipazione agli utili dell’impresa. Il decreto, in particolare, ha definito i criteri di misurazione degli incrementi di produttività, redditività, qualità, efficienza e innovazione, nonché le modalità di coinvolgimento dei lavoratori nell’organizzazione del lavoro e di ricorso ai voucher per l’erogazione dei premi.

 CL  20/05/2016 
     Lavoro accessorio: nuove modalità di acquisto dei buoni lavoro 

Con Circolare n. 68/2016, l’INPS ha comunicato che dallo scorso 2 maggio non è più ammesso l’utilizzo del modello F24 per l’acquisto dei c.d. “buoni lavoro”. Da tale data, in particolare, la causale contributo “LACC”, prevista per l’acquisto dei voucher, può essere indicata esclusivamente nel c.d. modello F24 ELIDE.

 CL  10/05/2016 
     Al via l’esonero contributivo biennale 

Con Circolare n. 57/2016, l’INPS ha reso le attese istruzioni operative sul nuovo sgravio contributivo biennale, riconosciuto per le nuove assunzioni a tempo indeterminato effettuate nel corso del 2016. Per beneficiare dell’esonero contributivo, i datori di lavoro devono richiedere all’INPS l’attribuzione del codice di autorizzazione “6Y”, sempre che non ne siano già in possesso per le assunzioni agevolate effettuate nel 2015. Lo sgravio può essere utilizzato a partire dal flusso UniEmens di competenza del mese di aprile 2016.

 CL  05/04/2016 
     La nuova procedura per le dimissioni e la risoluzione consensuale del rapporto di lavoro 

Dallo scorso 12 marzo è pienamente operativa la nuova procedura telematica per la comunicazione delle dimissioni volontarie e della risoluzione consensuale del rapporto di lavoro. Esaminiamo di seguito il nuovo adempimento sulla scorta dei primi chiarimenti ministeriali.

 CL  15/03/2016 
     La nuova maxi sanzione per lavoro irregolare 

Sulla GU n. 221/2015 è stato pubblicato il D.Lgs. 151/2015, attuativo del c.d. “Jobs Act”, recante, tra l’altro, disposizioni di razionalizzazione e semplificazione delle procedure e degli adempimenti in materia di lavoro. Tra le tante importanti novità apportate dal decreto, riveste particolare interesse il nuovo sistema sanzionatorio in materia di lavoro “nero”, oggetto di un’approfondita analisi del Ministero del Lavoro nella propria Circolare n. 26/2015.

 CL  20/10/2015 
     Operativo il DURC on line 

Dallo scorso 1.7 la verifica della regolarità contributiva avviene esclusivamente con modalità telematiche e in tempo reale, indicando il solo codice fiscale dell’impresa da verificare. In caso di esito positivo della verifica, il sistema rilascia un documento attestante la regolarità contributiva, avente una validità di 120 giorni dalla data dell’interrogazione.

 CL  07/07/2015 
     Il superamento del lavoro a progetto 

È in dirittura d’arrivo il decreto attuativo sul riordino dei contratti di lavoro previsto dal c.d. “Jobs Act”. Dal giorno successivo alla sua pubblicazione in Gazzetta Ufficiale, le imprese non potranno più attivare nuove collaborazioni a progetto, né stipulare contratti di associazione in partecipazione con apporto di solo lavoro. I contratti già in essere, tuttavia, potranno proseguire fino alla loro naturale scadenza. Esaminiamo di seguito i primi importanti effetti recati dalla nuova Riforma del lavoro.

 CL  23/06/2015 
     Il nuovo contratto di apprendistato 

Con la pubblicazione sulla GU n. 199/2014 della L. 78/2014, di conversione del DL 34/2014, c.d. Decreto “Jobs Act”, dal 20.5.2014 sono pienamente operative le disposizioni urgenti per favorire il rilancio dell’occupazione e la semplificazione degli adempimenti a carico delle imprese. Esaminiamo di seguito le modifiche apportate al contratto di apprendistato, con particolare riferimento all’apprendistato professionalizzante.

 CL  10/06/2014 
     Il nuovo contratto di lavoro a tempo determinato 

Con la pubblicazione sulla GU n. 199/2014 della L. 78/2014, di conversione del DL 34/2014, c.d. Decreto “Jobs Act”, dal 20.5.2014 sono pienamente operative le disposizioni urgenti per favorire il rilancio dell’occupazione e per la semplificazione degli adempimenti a carico delle imprese. Esaminiamo di seguito le modifiche apportate al contratto di lavoro a tempo determinato.

 CL  06/06/2014 
     Lavoro sommerso e irregolare: l’incremento della maxi sanzione 

Il DL 145/2013 ha innalzato la misura della sanzione amministrativa prevista in caso di utilizzo di lavoratori subordinati non preventivamente denunciati ai servizi per l’impiego. La legge di conversione del decreto ha inoltre soppresso la possibilità di beneficiare della riduzione delle sanzioni in caso di ottemperanza alla procedura di diffida. L’incremento delle sanzioni interessa anche l’importo delle somme aggiuntive da versare ai fini della revoca del provvedimento di sospensione dell’attività imprenditoriale.

 CL  11/04/2014 
     L’imposizione contributiva del socio lavoratore e amministratore di Srl 

Con un recentissimo intervento, l’INPS ha fornito chiarimenti circa l’obbligatorietà dell’iscrizione alla doppia gestione previdenziale da parte dei soggetti che svolgono contemporaneamente un’attività autonoma soggetta alla Gestione separata e un’attività imprenditoriale iscrivibile alla Gestione commercianti.

 CL  04/06/2013 
     L’attività di contrasto alle false partite IVA e i chiarimenti ministeriali 

Nell’intento di contrastare tutte quelle forme contrattuali realizzate al solo scopo di evitare la costituzione di un rapporto di lavoro dipendente, la c.d. “Riforma del Lavoro” è intervenuta, tra l’altro, sulla disciplina del lavoro a progetto, restringendone sensibilmente il campo di applicazione. La riforma ha inoltre introdotto un meccanismo presuntivo volto a circoscrivere il ricorso alle fittizie prestazioni di lavoro autonomo rese da soggetti titolari di partita IVA. Esaminiamo di seguito i primi chiarimenti resi dal Ministero del Lavoro.

 CL  22/01/2013 
     Le prestazioni di lavoro occasionale accessorio 

La cosiddetta Riforma del Lavoro ha semplificato e razionalizzato l’ambito di applicazione del lavoro occasionale accessorio introducendo, quale unico limite applicativo, la soglia di compenso economico annuale di € 5.000, da riferire alla totalità dei committenti.

 CL  06/11/2012 
     Riforma del lavoro: il nuovo contratto di lavoro a progetto 

Per contrastare l’uso distorto, in funzione dissimulatoria di rapporti di lavoro subordinato, la cosiddetta “Riforma del Lavoro” ha sostanzialmente modificato la disciplina del lavoro a progetto, fissandone un preciso perimetro applicativo al di fuori del quale si ricade nel lavoro dipendente. Le novità recate dalla riforma sono applicabili ai contratti stipulati successivamente al 18.7.2012, data di entrata in vigore della Legge 92/2012.

 CL  17/07/2012 
     Il nuovo regime sanzionatorio per il lavoro irregolare 

Il “Collegato lavoro” torna a modificare l’impianto sanzionatorio previsto in caso d’impiego di lavoro irregolare. Esaminiamo le importanti novità recate dalla Legge 183/2010, in vigore dallo scorso 24 novembre, sulla scorta dei chiarimenti forniti dalla CM 38/2010.

 CL  30/11/2010 
     Imposta sostitutiva per incrementi di produttività: nuovi chiarimenti 

Con Risoluzione n. 83/2010, l’Agenzia delle Entrate ha precisato che la tassazione agevolata delle somme erogate ai lavoratori dipendenti del settore privato prevista dal DL 93/2008, può trovare applicazione per tutte le voci retributive riconducibili a parametri di produttività. In particolare, la nuova interpretazione consente di applicare l’imposta sostitutiva all’intero compenso per lavoro notturno, invece che alla sola maggiorazione, ed al lavoro straordinario e supplementare quando connesso ad elementi di produttività e competitività. L’ampliamento delle ipotesi di applicazione dell’agevolazione legittima il recupero dell’eventuale maggiore tassazione subita negli anni 2008 e 2009.

 CL  05/10/2010 
     La nuova riscossione dei debiti contributivi 

A partire dal 2011, l’attività di riscossione per il recupero delle somme a qualunque titolo dovute all’INPS sarà effettuata con la notifica di un avviso di addebito con valore di titolo esecutivo. Decorsi 60 giorni dalla notifica dell’avviso di addebito, l’Agente della riscossione potrà attivare la riscossione coattiva delle somme anche ai fini dell’esecuzione forzata con l’espropriazione dei beni del debitore senza la notifica della cartella di pagamento. Esaminiamo le nuove stringenti modalità di riscossione dei debiti contributivi, nonché le semplificazioni introdotte dall’INPS per facilitare l’accesso alla rateazione del debito.

 CL  24/09/2010 
     Soci srl commerciali: stop alla doppia contribuzione previdenziale 

Con la sentenza n. 3249 la Corte di Cassazione, a Sezioni Unite, chiarisce definitivamente che il socio lavoratore e amministratore di una srl commerciale, deve essere iscritto esclusivamente alla gestione previdenziale prevista per l’attività svolta in misura prevalente. La stessa sentenza stabilisce che non sussiste alcuna cumulabilità dei redditi prodotti nelle due attività considerate e, quindi, va assoggettato a contribuzione il solo reddito derivante dall’attività prevalente. Deve quindi ritenersi definitivamente superato l'orientamento dell'INPS in base al quale, se il socio di una srl commerciale partecipa personalmente al lavoro aziendale con carattere di abitualità e prevalenza e, nel contempo, svolge anche funzioni di amministratore, è tenuto alla doppia contribuzione.

 CL  23/03/2010 
     Lavoro accessorio: esteso l’ambito di applicazione 

Il lavoro occasionale di tipo accessorio è una particolare modalità di prestazione lavorativa, di natura meramente occasionale ed accessoria, svolta anche in favore di più beneficiari con un tetto massimo di compensi, con riferimento al medesimo committente, pari a € 5.000 per anno solare. Tale peculiare modalità di prestazione lavorativa, introdotta nell’ordinamento giuslavoristico dalla Legge Biagi, è stata oggetto di alcuni interventi legislativi che ne hanno ampliato il campo di applicazione e semplificato l’utilizzo.

 CL  30/10/2009 
     Direttiva Sacconi: cambiano l'attività ispettiva e di vigilanza 

Con la Direttiva 18 settembre 2008, il Ministero del Lavoro indica le linee guida cui deve conformarsi il personale ispettivo nello svolgimento dell’attività di accertamento a seguito della sostituzione dei libri paga e matricola con il libro unico del lavoro. Tra le novità più rilevanti segnaliamo la possibilità di eseguire ispezioni in azienda solo dopo aver esperito un tentativo di conciliazione tra lavoratore e datore di lavoro, la “blindatura” dei contratti certificati, nuove regole per la sospensione dell'attività d'impresa, l’irricevibilità delle denunce anonime.

 CL  07/10/2008 
     Manovra d'Estate: la reintroduzione del lavoro a chiamata 

Il DL 112/2008 (c.d. “Manovra d’Estate”), tra le altre cose, ha previsto, con decorrenza 25 giugno 2008, la reintroduzione del lavoro a chiamata (o lavoro intermittente), precedentemente abrogato dalla L. 247/2007. Mediante tale peculiare forma contrattuale, l’obbligo di eseguire la prestazione lavorativa e quello di retribuire le prestazioni effettivamente rese, vengono adempiuti solo se il datore di lavoro necessita della prestazione lavorativa e la richiede.

 CL  23/09/2008 
     Libro unico del lavoro: le prime istruzioni operative 

Con l’intento di semplificare e razionalizzare gli adempimenti formali connessi alla gestione dei rapporti di lavoro, il DL 112/2008 (c.d. “Manovra d’estate”), tra le altre cose, ha previsto la sostituzione dei libri obbligatori con il neoistituito libro unico del lavoro. Con la pubblicazione del DM 9 luglio 2008, contenente le modalità di tenuta e conservazione del libro unico del lavoro, a decorrere dal 18 agosto 2008 vengono abrogati il libro matricola ed il libro paga. Il decreto in esame disciplina altresì uno specifico regime transitorio, sino al 16 gennaio 2009, nel corso del quale gli obblighi di istituzione e tenuta del libro unico potranno essere adempiuti mediante la corretta e regolare tenuta del libro paga, nelle sue sezioni paga e presenze.

 CL  09/09/2008 
     La Manovra d'estate: le novità in ambito giuslavoristico 

Con la pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale n. 146 del 25 giugno 2008, divengono immediatamente operative le disposizioni contenute nel DL 112/2008 (c.d. “Manovra d’estate”). Il decreto in esame contiene diverse rilevanti novità, tra le quali si segnala la cumulabilità delle pensioni con il reddito da lavoro dipendente/autonomo, la reintroduzione del contratto di lavoro a chiamata, l’abrogazione della procedura telematica per le dimissioni volontarie, nonché l’istituzione del libro unico del lavoro. Con la presente circolare terminiamo l’esame delle principali disposizioni di interesse aziendale introdotte dalla Manovra d’estate 2008 sotto forma di brevi flash tematici. Seguiranno specifiche circolari di approfondimento monotematico in funzione dell’importanza e dell’urgenza.

 CL  08/07/2008 
     Mense aziendali e prestazioni sostitutive 

Nella generalità dei casi, per la somministrazione dei pasti ai propri dipendenti, i datori di lavoro possono utilizzare due differenti modalità quali la mensa aziendale ed il servizio sostitutivo di mensa aziendale. La scelta, oltre che da ragioni di ordine logistico (ad esempio, disponibilità di locali all’interno dell’impresa, presenza nelle vicinanze di pubblici esercizi), può essere basata anche su valutazioni di carattere fiscale poiché a seconda della modalità adottata discende un diverso trattamento tributario.

 CL  22/04/2008 
     Soci amministratori di srl: iscrizione INPS per l'attività prevalente 

La Corte di Cassazione, con la Sentenza n. 20886 del 5.10.2007, ha accolto il ricorso di un socio di una srl commerciale avverso la doppia iscrizione alla Gestione separata INPS in qualità di amministratore ed alla Gestione IVS quale socio che presta la propria opera all’interno dell’azienda. In particolare, la Cassazione ha affermato che la Gestione separata INPS non può coesistere con la Gestione commercianti IVS e che spetta all’INPS decidere sull’iscrizione all’assicurazione corrispondente all’attività prevalente.

 CL  23/11/2007 
     Gli immobili concessi in uso ai dipendenti 

Come previsto dall’art. 51, TUIR, rientrano tra i compensi in natura anche i fabbricati (sia di proprietà del datore di lavoro, sia acquisiti in locazione/leasing), concessi in locazione, uso o comodato ai dipendenti. In tali casi occorre predisporre un contratto di affitto per la locazione dell’immobile ovvero un contratto di comodato per la concessione in uso gratuito.

 CL  09/11/2007 
     Stop alle dimissioni in bianco 

Lo scorso 25 settembre è stato definitivamente approvato dal Senato il DDL 1695, recante nuove disposizioni in materia di dimissioni volontarie dei lavoratori e volto a scoraggiare il diffuso fenomeno delle c.d. “dimissioni in bianco” firmate dai lavoratori contestualmente con l’inizio del rapporto di lavoro. Con l’entrata in vigore delle nuove disposizioni e l’emanazione, entro 3 mesi, di uno specifico provvedimento attuativo, la lettera di dimissioni volontarie dovrà essere presentata dal lavoratore, a pena di nullità, su appositi moduli contenenti un codice alfanumerico di identificazione.

 CL  12/10/2007 
     Sospensione dell’attività per le imprese che ricorrono al lavoro irregolare 

Dal 25 agosto 2007, data di entrata in vigore della L. 123/2007, le aziende di qualsiasi settore che ricorrono al lavoro irregolare o che impiegano abitualmente i propri dipendenti oltre gli orari consentiti, in caso di controlli rischiano la chiusura dell’attività.

 CL  07/09/2007 
     I libri obbligatori in materia di lavoro 

 CL  03/07/2007 
     Transazioni e conciliazioni nei rapporti di lavoro subordinato 

 CL  15/06/2007 
     Il costo orario del fattore lavoro 

 CL  21/11/2006 
     Lavoro sommerso: modifiche al regime sanzionatorio e nuovi adempimenti 

 CL  08/09/2006 
     Le polizze assicurative stipulate a favore dei dipendenti 

 CL  13/06/2006 
     Il contratto a tempo determinato e la prosecuzione del termine 

 CL  28/04/2006 
     Al via i controlli in azienda su co.co.co. e co.co.pro. 

 CL  24/02/2006 
     Contributi previdenziali arretrati: come e quando pagare 

 CL  08/11/2005 
     Il contratto di lavoro e le pattuizioni accessorie 

 CL  20/09/2005 
     Le prestazioni assistenziali per i collaboratori a progetto 

 CL  26/07/2005 
     Contributi INPS 2004 associati in partecipazione: modalità e termini di versamento 

 CL  15/07/2005 
     L'apprendistato professionalizzante 

 CL  28/06/2005 
     Lavoratori a progetto o dipendenti la convenienza nei costi 

 CL  14/06/2005 
     Importanti modifiche ai limiti dell'orario di lavoro 

 CL  24/05/2005 
     Novità sulle ferie annuali dei dipendenti 

 CL  03/05/2005 
     Informazioni utili sui libri matricola, presenze ed infortuni 

 CL  25/03/2005 
     Rivoluzionata la normativa sul collocamento 

 CL  25/03/2005 
     Al 16 febbraio l'autoliquidazione INAIL 

 CL  27/01/2005 
     I soci di srl e gli obblighi previdenziali INPS 

 CL  20/01/2005 
     Riforma del servizio ispettivo 

 CL  18/10/2004 
     Al 18 ottobre 2004: il versamento dei contributi per i lavoratori autonomi occasionali 

 CL  11/10/2004 
     Indennità di trasferta: come e quando utilizzarla 

 CL  11/06/2004 
     Riforma Biagi: rinnovato il lavoro a tempo parziale 

 CL  14/05/2004 
     Riforma Biagi: il lavoro intermittente o a chiamata 

 CL  26/04/2004 
     Pronto soccorso aziendale: nuovi impegnativi adempimenti 

 CL  05/03/2004 
     Denunce contributive INPS: solo invio telematico 

 CL  20/02/2004 
     Collaboratori a progetto: finalmente alcuni chiarimenti significativi 

 CL  06/02/2004 
     I principali adempimenti delle imprese dopo la Riforma Biagi 

 CL  01/12/2003 
     Riforma Biagi: il lavoro occasionale di tipo accessorio 

 CL  05/11/2003 
     Dal co.co.co. al lavoro a progetto: le principali novità dal 24 ottobre 2003 

 CL  24/10/2003 
     INAIL: modificati i termini per le comunicazioni 

 CL  15/10/2003